CalabriaSport24

Vibonese, parla Lo Schiavo: “B a 40? Non rispecchia valori in campo”

Intervista in esclusiva ai microfoni di TuttoC, per Simone Lo Schivo
Simone Lo Schiavo
, direttore sportivo della Vibonese.

Il giovane dirigente ipponico ha risposto alle domande di Dario Lo Cascio commentando l’imminente Assemblea dei club di Lega Pro e sopratutto l’ipotesi lanciata da Sportitalia di una Serie B a 40 squadre. 

Il 7 maggio l’Assemblea di Lega, su cosa sarà fondamentale focalizzarsi? 
“Personalmente ritengo che le riforme siano necessarie ma in questo momento non sono una priorità. Che invece è salvare il sistema Serie C. Io mi concentrerei sul cercare una soluzione che possa preservare le squadre di categoria medio piccole e che faranno fatica a iscriversi al prossimo torneo. Da due mesi permane lo stato di emergenza e in questo periodo non è arrivata una soluzione concreta per aiutare le squadre. Si è parlato di cassa integrazione, di altri aiuti, ma non si è ad oggi concretizzato nulla”. 

E l’idea di una Serie B a 40 squadre?
“Si tratta di un progetto elitario che non rispecchia i valori in campo. Vorrei capire anche con che criteri possa esser formata. Le squadre medio piccole si troverebbero tagliate fuori dal professionismo, retrocesse senza alcun rispetto di quanto visto in campionato. La mia opinione rispetto a questa ipotesi è negativa”. 

Ci sono i margini per concludere la stagione sul campo?
“Credo sia quasi impossibile. Il protocollo è già complicato da adottare per club di categoria superiore, figuriamoci per la Serie C. Giocatori e staff dovrebbero essere sottoposti a tamponi, si tratta di un esborso economico troppo grande, solo un paio di società della categoria potrebbero permetterselo. Quindi credo non si possa concludere sul campo. E per evitare di rovinare due stagioni sarebbe il caso di programmare già quella successiva. Ma credo che nel weekend avremo novità in tal senso perché in sede di Assemblea e Consiglio Federale si deciderà qualcosa in merito”. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.