CalabriaSport24

Un tricolore azzurro: dal real Cosenza allo scudetto contro l’Inter, Matteo Morelli riparte con l’U17 dell’Empoli


Da Cosenza ad Empoli con il tricolore cucito sul petto. Inizia così, con uno scudetto vinto contro l’Inter nella categoria Under 16, la nuova stagione di Matteo Morelli, difensore classe 2003 in forza all’Empoli.

Il giovanissimo cosentino, dopo l’esperienza calcistica nel Real Cosenza, con la famiglia alle spalle, hanno spostato la loro attenzione quotidiana ad Empoli, una delle città fulcro del territorio toscano. Il centrale, archiviato l’esperienza cosentina, è passato prima dalla scuola calcio “Margine Coperta”, poi l’avventura a Prato prima di arrivare nel mondo degli azzurri. Adesso, con addosso la maglia degli empolesi dal 2016, sarà il quarto anno consecutivo con una responsabilità in più: difendere e riportare a casa lo scudetto conquistato lo scorso giugno. Una stagione quella da incorniciare per Morelli, tra il gol di testa alla Sampdoria e l’assist nei quarti di finale a Roma con ‘U16 senza dimenticare qualche presenza anche nell’Under17, formazione che lo vedrà impegnato a partire dal prossimo weekend. 

Con gli impegni scolastici che a 17 anni occupano tutto il tempo libero di chi insegue un sogno come Matteo, alla musica rap da ascoltare. Una carriera che scorre veloce, un sogno nel cassetto con gli occhi che vanno ad ammirare N’Golo Kanté e Van Djik per la costanza che entrambi hanno messo; così da poter sfondare in un calcio giovanile sempre più macchiato da un sistema che ai giovani li relega nelle retrovie.

Adesso è tempo di ricominciare, una nuova stagione – con il tricolore sul petto – è ai nastri di partenza. Morelli sarà sempre li, con la maglia azzurra dell’Empoli a difendere ciò che ha vinto con la testa rivolta al centro della difesa per provare ad emulare tre suoi grandi esempi: Sergio Ramos, Giorgio Chiellini, e il pallone d’oro Fabio Cannavaro. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.