CalabriaSport24

Serie B, il Crotone si rialza dopo due sconfitte consecutive: allo “Scida” Ascoli battuto 3-1

Andrea Rosito


Gli squali confezionano l’ennesima prestazione di livello e tornano a muovere la classifica dopo le due battute d’arresto contro Chievo e Perugia. In riva allo Ionio finisce 3-1 grazie alle reti di Crociata, Simy e Mazzotta intervallate dall’autorete di Marrone, la quale in realtà non ha mai riaperto un match che i rossoblu hanno comandato dall’inizio alla fine lasciando agli avversari le briciole.

PRIMO TEMPO
Classico 3-5-2 per Stroppa con Mustacchio largo sulla destra, preferito a Mazzotta dopo la doppietta casalinga contro il Perugia e con Zanellato al posto dell’infortunato Benali. 4-3-1-2, invece, per Zanetti con Brlek dietro il tandem Scamacca-Da Cruz.
Pronti-via e il Crotone passa subito in vantaggio: brutto pallone perso da Troiano sulle trequarti e raccolto da Simy, la cui conclusione viene murata dalla retroguardia bianconera. Sulla sfera arriva però Crociata che batte Leali con un destro potente e preciso. L’Ascoli continua a perdere palloni sanguinosi a centrocampo e squali vicini al raddoppio con l’altra mezzala Zanellato, la cui rasoiata sfiora il palo. Intorno al quarto d’ora reazione degli ospiti: tiro di Brlek dal limite dell’area di rigore ma Cordaz è attento e risponde presente. I marchigiani ora sembrano prendere coraggio e attaccano con convinzione ma gli uomini di Stroppa tengono davvero bene il campo. Al 34′ arriva così il meritato doppio vantaggio: altro pallone recuperato dalla linea mediana rossoblu e palla in profondità per Simy, il quale viene aspettato colpevolmente da Pucino senza essere attaccato e indirizza la sfera all’angolino. I bianconeri riaprono fortunosamente il match pochi minuti più tardi: cross basso di Cavion e intervento goffo di Marrone che batte il suo portiere da pochi passi. Si conclude 2-1 un primo tempo che vede i pitagorici meritatamente avanti.

SECONDO TEMPO
Gli squali iniziano con il piede sull’acceleratore anche la seconda frazione e vanno vicini al terzo goal con un colpo di testa di Mustacchio, trovato splendidamente al centro dell’area di rigore da Messias. Pressing soffocante dei rossoblu che impedisce all’Ascoli di arrivare negli ultimi 15-20 metri e produce innumerevoli situazioni offensive pericolose: protagonista ancora una volta Messias con un bel sinistro a giro neutralizzato da Leali. Il Crotone continua a fare la partita, l’Ascoli decide stranamente di aspettare per colpire in contropiede ma nè da Cruz, nè Scamacca e Ardemagni sono in giornata. All’87’ i padroni di casa chiudono la pratica: tiro cross di Mazzotta sul quale Leali e Valentini si scontrano lasciandolo scivolare in rete.

Paolo Mazza

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.