CalabriaSport24

Rende, altro ko per i biancorossi

Andreoli conferma il 4-2-3-1 già visto a Vibo, ma lancia dal primo minuto Morselli sulla trequarti e Bruno in luogo dell’indisponibile Sicuro; dall’altra parte Ginestra si affida al tandem Starita-Castaldo ispirati dalle geometrie dell’ex biancorosso Laaribi. Nemmeno tre minuti sui cronometri che la Casertana sfiora il gol con la conclusione dal limite dell’area di D’Angelo: palla di poco a lato. Partita subito frizzante: la Casertana prova a sfruttare la velocità di Zito e D’Angelo, il Rende la capacità tecnica di Scimia e Morselli tra le linee. Al 12′ decisivo in due occasioni Borsellini su Castaldo: palla in mezzo di Laaribi dalla trequarti, Castaldo colpisce di punta verso la porta, palla che sfugge dalle mani del portiere romano che poi si salva sulla linea con la collaborazione di Germinio. Due giri di lancette più tardi è Silva a incornare di testa il traversone di Laaribi da piazzato e a fulminare Borsellini per l’uno a zero. Al 27′ pregevole schema da piazzato del Rende che mette in area Vivacqua, palla verso Libertazzi che viene impattato da Rainone: i biancorossi chiedono il rigore, Arace non è dello stesso avviso. Al 35′ prima conclusione del Rende con Loviso: piazzato telefonato facile preda di Crispino. All’ora di gioco Loviso prova a sorprendere Crispino risponde “presente”; sulla ripartenza Zito si divora il raddoppio ben servito da Santoro e sulla controripartenza Arace nega un calcio di rigore al Rende per atterramento in area di Vivacqua da parte di Rainone. Poco dopo ancora pericoloso il Rende con Ampollini di testa, ma Crispino salva ancora. Poco più tardi è decisivo Borsellini sulla penetrazione offensiva di Zito. Nel finale le speranze del Rende, già al lumicino, vengono ulteriormente ridotte dal palleggio della Casertana che addormenta il gioco. Il triplice fischio di Arace sanziona il successo della Casertana, il primo in campionato, e il secondo ko per il Rende, fanalino di coda del Girone C.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.