CalabriaSport24

Rende, Rigoli crede nei suoi attaccanti

È arrivato il grande giorno per il Rende: i biancorossi avranno la possibilità di giocarsi la permanenza in Serie C nella doppia sfida contro il Picerno. Dopo la sosta obbligata per via della pandemia da Coronavirus, quali sono secondo Rigoli le condizioni della sua squadra? «Dopo tre mesi di assenza dai campi la condizione psico-fisica della squadra rimane un grande punto di domanda: da un punto di vista mentale per noi tornare a giocare è una grande cosa, dal punto di vista fisico rimane un rebus».

Il Rende ospita a Vibo il Picerno, cenerentola del campionato che durante la stagione ha però anche sfiorato il sogno play-off: «Affrontiamo una squadra ben allenata da Domenico Giacomarro, una squadra che può contare su buone individualità, sicuramente non sarà una partita semplice». Prima dello stop un abisso, 14 punti, dividevano il Picerno dal Rende, ma il Coronavirus ha rimescolato le carte del torneo: «Le distanze però in questo spareggio si azzerano; da quando sono arrivato alla guida del Rende ci sono state partite in cui abbiamo raccolto poco rispetto al seminato e partite in cui siamo stati davvero troppo sfortunati». Il Rende, sulla carta, parte come sfavorito, ma il tecnico siciliano sa le carte nella sua manica: «Decisiva nella doppia sfida sarà la coesione di gruppo, -spiega il tecnico del Rende Pino Rigoli- così come i valori tecnici che possono indirizzare una gara che arriva dopo tre mesi di fermo agonistico: questo però non deve essere per noi un alibi e dobbiamo giocarci la partita come fosse una finale». Importante per mantenere la categoria per il terzo anno consecutivo sarà trovare la via del gol sia all’andata che al ritorno, cosa non facile visto il tumultuoso rapporto avuto dagli avanti biancorossi con il gol: «In alcune gara abbiamo trovato il gol in più occasioni, in altre abbiamo sbagliato tanto, tantissimo. Comunque -prosegue Rigoli- ho fiducia nei miei ragazzi e nelle loro possibilità di essere decisivi sotto porta».
FORMAZIONE: Assente Giannotti squalificato e Rossini, Godano e Murati fuori rosa scelte quasi obbligate per Rigoli: «Posso contare su un buon organico: oggi guarderò bene i ragazzi in allenamento e poi comunicherò loro la formazione che scenderà in campo».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.