CalabriaSport24

Rende, contro la Cavese a caccia di riscatto


Serie C per grandi linee in quarantena per colpa del CoronaVirus, ma nel girone del centro-sud si continua a giocare e il turno infrasettimanale non subirà variazioni a meno di variazioni dell’ultima ora. Nemmeno il tempo di metabolizzare il ko interno con l’Avellino che il Rende si rituffa in campionato per affrontare il Cavese, altra sfida cruciale per le speranze salvezza. I biancorossi hanno bisogno di un risultato positivo nel catino del Lamberti di Cava dei Tirreni per continuare a credere nel sogno salvezza: l’obiettivo di Rigoli infatti è accorciare sempre di più il margine con le squadre che precedono il Rende così da poter arrivare ad aprile in zona play-out. Il Rende farà visita a una formazione in salute, ma che non verrà guidata in panchina dal proprio tecnico: gli aquilotti nelle ultime sette gare hanno ceduto il passo solo a Picerno e Catania, pareggiando anche con il lanciatissimo Bari, ma dovranno fare a meno del tecnico Campilongo squalificato per un turno dal giudice sportivo per un diverbio nel tunnel degli spogliatoi con un dirigente del Bari.
PRECEDENTI La Cavese suggerisce al Rende ricordi dolcissimi: il 21 maggio del 2017 il rigore di Michel Ferreira e il gol di Gigliotti nello spareggio play-off di Serie D regalò alla società di patron Coscarella lo storico ritorno tra i professionisti. Grande classica di Serie D, la sfida è tornata a disputarsi tra i pro nella scorsa stagione: bilancio che sorride alla Cavese, vittoriosa in una occasione, due i pareggi. Nella scorsa stagione fu 1-1 al Lamberti, biancorossi raggiunti nel finale dopo il vantaggio firmato Godano dal colpo di testa di Flores Heatley, e spettacolare 3 a 3 al Lorenzon in marzo bagnato dalla doppietta di Negro e di Fella e dai gol di Awua, ora al Bari, e Bacchetti. Nell’unico confronto di questa stagione successo della Cavese grazie al gol di Germinale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.