CalabriaSport24

Il Rende corre verso il play-out

Sempre più vicino per il Rende l’inizio di un “nuovo” campionato: i biancorossi, infatti, si giocheranno la permanenza tra i professionisti nella doppia sfida contro il Picerno tra due settimane. Mantenere la categoria porterebbe al Lorenzon un nuovo record targato Fabio Coscarella: il presidente dopo aver riportato il Rende nel calcio che conta dopo un’assenza di oltre trent’anni ha reso il club sempre più solido -da tutti portato come esempio di calcio virtuoso- basando il progetto sempre sui giovani. Intanto dalle parti dal Lorenzon proseguono i lavori in vista della gara di Vibo del prossimo 27 giugno: i giocatori si sono sottoposti alla routine di tamponi e test sierologici, tutti negativi, e hanno ripreso il lavoro, dapprima in maniera individuale e poi in gruppi. Pino Rigoli alla ripartenza potrà contare su due “nuovi” armi nel suo mazzo: il tecnico siciliano ha infatti riabbracciato alla ripresa dopo la pandemia Massimo Loviso e Luca Scimia, fondamentali nella prima parte di stagione, che hanno smaltito i problemi muscolari che li hanno costretti ai box nella prima parte del 2020. I due nell’economia della doppia sfida play-out possono indirizzare la gara grazie alle loro capacità tecniche e tattiche e in fase di realizzazione, Scimia è il capocannoniere del Rende con 4 gol a referto. Un piccolo caso negli ultimi giorni è scoppiato però nella cittadella biancorosso scuotendo l’ambiente: Riccardo Rossini, Alessandro Godano e Emir Murati sono stati, temporaneamente, messi fuori rosa e a loro potrebbero aggiungersi altri due calciatori secondo le voci che arrivano dalla zona Lorenzon. La società non ha ancora chiarito i motivi dell’allontanamento in maniera ufficiale, ma certo è che ciò può rendere difficile per Rigoli e il gruppo l’avvicinamento alla sfida dell’anno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.