CalabriaSport24

I lupi sbranano l’Empoli: 5-1 al “castellani” e playout agganciati.


180 minuti al termine ed obbligo inderogabile di vincere: il Cosenza per la salvezza, l’Empoli per i playoff; sentimenti opposti quindi ma stesso obiettivo: la vittoria. La spuntano i calabresi che sfoderano una prestazione, ordinata, cinica ed a tratti devastante; vanno in rete Rivierè (2), Carretta,Baez e Bittante.

Empoli-Cosenza è sicuramente la partita degli ex: Bittante nelle fila degli ospiti, La Mantia ma soprattutto Tutino (oggi per lui è la prima gara giocata contro i suoi vecchi compagni) nei padroni di casa. Squadra che vince non si cambia; è questo il diktat di mister Occhiuzzi che conferma per la terza giornata consecutiva la formazione che ha vinto nelle ultime due partite. Stessa linea di pensiero per Marino che però ne cambia quattro tra centrocampo e difesa inserendo Bandinelli titolare al posto di Stulac e Fiammozzi al posto di Pinna; attacco consolidato e confermato con Ciciretti-Bajrami-Mancuso.

La partita: nemmeno il tempo di iniziare che i lupi, dopo 5 minuti , passano in vantaggio: azione in ripartenza con Carretta che va sul fondo e mette in mezzo per Rivierè che non ci arriva, Romagnoli liscia clamorosamente e Bittante ringrazia firmando il classico gol dell’ex. Passano altri 6 minuti e gli ospiti si portano incredibilmente sul doppio vantaggio: Casasola mette una palla sul primo palo per premiare il movimento di Rivierè che con un tocco delicato beffa Brignoli. Per lui è il decimo gol stagionale. Alla mezz’ora è Mancuso ad andare a pochi centimetri dal gol: colpo a botta sicura in area ma è miracoloso il tocco di Legittimo ( che esulta per l’intervento) a negargli la gioia personale. Tre minuti dopo è ancora l’attaccante martinicano, di testa, ad impegnare il portiere toscano che si esalta e compie un miracolo; è una partita bellissima. A 13 dalla fine però, arriva anche il terzo gol per i lupi: Casasola scappa sulla fascia e serve Carretta che con il sinistro la piazza dove Brignoli non può arrivare. Settimo assist per il laterale del Cosenza e secondo gol consecutivo per l’ex cremonese. Passa solo un giro di lancette e Frattesi, di testa, colpisce il palo a Saracco battuto. Nel recupero, prima Rivierè e poi Carretta vanno vicinissimi al gol: nella prima occasione è ancora super il portiere biancoazzurro mentre sulla seconda, il bellissimo tiro al volo, viene deviato ed esce di pochissimo.

Il secondo tempo inizia subito con un altra super parata dell’estremo toscano sull’attaccante rossoblù che va vicino quindi alla doppietta personale. Al minuto 20 arriva il pokerissimo di Baez che a tu per tu con il portiere non sbaglia e porta la sua squadra sul 4-0. Due minuti più tardi il gol che riapre la partita: Henderson in verticale per La Mantia che rompe il digiuno ed accorcia le distanze; 4-1. A 10 dalla fine i rossoblù però chiudono la contesa e si portano sul 5-1: Rivierè vince il duello personale con Brignoli e lo batte di testa su cross dell’onnipresente Casasola; per lui è doppietta personale. La partita termina scivola via e non succede più nulla fino al triplice fischio. Migliori in campo: Brignoli per l’Empoli e Rivierè per il Cosenza.

Prestazione sontuosa del collettivo rossoblù che annienta la squadra toscana e supera in classifica la Juve Stabia portandosi, al momento, sull’ultima casella utile per l’accesso ai playoff con, all’orizzonte, lo scontro diretto di venerdì allo stadio SanVito-Gigi Marulla che potrebbe valere anche una incredibile salvezza diretta vista la contemporanea sconfitta del Perugia contro il Trapani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.