CalabriaSport24

Crotone: 0-0 deludente tra le mura amiche contro la Cremonese

È stato un brutto Crotone quello visto oggi allo “Scida”. I ragazzi di Stroppa, chiamati ad una reazione dopo la sconfitta nel derby, non sono riusciti a superare una tenace Cremonese. Mancanza di idee e confusione: questi i fattori che hanno impedito agli squali di aggiudicarsi tre punti che sarebbero stato di vitale importanza per la corsa verso la salvezza.

Primo tempo

Nessuna sorpresa nell’undici titolare del Crotone: Stroppa recupera e lancia dall’inizio sia Spolli che Rohden, tenendo in panchina Zanellato. Rastelli risponde con un modulo speculare confermando 9/11 della squadra che ha battuto il Lecce: i cambi riguardano Renzetti per Migliore e Piccolo per Carretta. Pronti-via e occasione gigantesca per i grigio-rossi: filtrante magnifico di Mogos per Piccolo che entra in area e serve un assist d’oro per Castrovilli che però spreca incredibilmente. Intorno al quarto d’ora ancora Cremonese pericolosa: gran diagonale di Piccolo ma Cordaz si distende bene e salva. Dopo di ciò, il Crotone comincia ad alzare il ritmo: ottima giocata di Simy, che si coordina e cerca il palo lontano ma Agazzi è attento e non si lascia sorprendere. Al 40′ Benali spreca una ghiotta occasione in ripartenza: prima un passaggio da evitare, poi un tiro troppo frettoloso che finisce sull’esterno della rete. Primo tempo piuttosto noioso, le due squadre faticano a creare gioco e a tirare in porta.

Secondo tempo

La ripresa si apre con la prima sostituzione per Rastelli: non ce la fa Agazzi per il colpo al volto preso sul finire del primo tempo, al suo posto Ravaglia. La prima occasione arriva addirittura al 70′: angolo basso di Piccolo per Strizzolo che tenta la conclusione di prima intenzione ma Cordaz si oppone alla grande. Nel frattempo Stroppa sostituisce un impalpabile Pettinari e un deludente Firenze con Machach e Milic. Il Crotone non riesce a trovare spazi e ci prova dalla distanza con Vaisanen: il suo tiro scalda i guantoni di Ravaglia. Entra anche Molina per un Rohden ancora un po’ acciaccato. Finale molto concitato ma spoglio di azioni davvero rilevanti: l’unica degna di nota è quella costruita da Machach e distrutta dall’arbitro Ros, che ravvisa un fallo del marocchino su Terranova prima che l’ex Napoli servisse in area Simy.

Top&Flop

Top: Cordaz

Flop: Firenze

Paolo Mazza

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.