CalabriaSport24

Cosenza, rimonta e disfatta: è 3-2 al Del Duca




Non basta il doppio vantaggio maturato nei primi 20 minuti al Cosenza per uscire con i 3 punti da Ascoli Piceno: a ribaltarla è Gianluca Scamacca.

La sosta delle nazionali ha permesso a Piero Braglia di lavorare in maniera più dettagliata sulle lacune che i suoi uomini hanno avuto nell’ultima uscita del Provinciale di Trapani. Confermato il consueto 4-3-3 per favorire l’amore fantasia di Pierini e l’esplosivita di Baez a supporto di Riviere. Centrocampo collaudato formato dal trio Bruccini, Kanoute e Sciaudone mentre in difesa rientra Monaco che sostituisce lo squalificato Capela, affiancato da Idda, a difesa di Perina. Sugli out rientra capitan Corsi al posto di Bittante con Legittimo sulla sinistra. Mister Zanetti deve rinunciare a Gravillon per squalifica ma sorprende con la scelta di tenere fuori dal suo 4-3-1-2 il giovane under20 Scamacca.

Cosenza aggressivo sin dai primi minuti di gara: l’Ascoli soffre Pierini e Baez e non si rende mai pericoloso. Al 16’ il Cosenza raccoglie i frutti di un perpetuo pressing con un gran gol di Riviere, e raddoppia il vantaggio 4 minuti dopo con Bruccini su calcio di rigore procurato dal solito Pierini. L’Ascoli prova a reagire e trova subito il gol che accorcia le distanze con Ardemagni, esultanza però troncata a causa della posizione di fuorigioco. Il Cosenza difende ordinato, fino al 38’ dove Corsi è distratto sull’inserimento di Ninkovic che a tu per tu con Perina non perdona.

Secondo tempo subito in salita per il Cosenza che fronteggia un Ascoli rabbioso, che trova il pareggio di nuovo con Ardemagni in apertura, colto tuttavia nuovamente in fuorigioco dall’assistente dell’arbitro di gara. Cosenza ed Ascoli si spartiscono il controllo del gioco fino al 71’ con i bianconeri che sorprendono in 10 contro 11 la difesa rossoblu che si lascia infilare da là nuovo entrato Scamacca che insacca di testa sugli sviluppi dalla fascia destra. Nel finale ancora il bomber azzurrino punisce la difesa cosentina con l’amore complicità di Perina che chiude così i conti sul 3-2.

Male ancora una volta il Cosenza nelle situazioni di vantaggio, che portano gli uomini di Piero Braglia a uscire troppo presto dalla mentalità giusta per affrontare il resto della partita: questa di oggi è per il Cosenza una sconfitta pesante visto che per gran parte della partita aveva sempre avuto il controllo di quest’anno in mano. La prossima al Marulla sarà scontro salvezza contro lo Spezia, match che metterà probabilmente sotto esame anche la panchina di Piero Braglia.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.